Skip to main content

I cinque vincitori del concorso INdipendenze

|

In una calda giornata autunnale, Piazzetta della Pioggia a Bologna è diventata, per un giorno, l’area espositiva della mostra fotografica INdipendenze. L’esposizione è stata il frutto del contest organizzato dall’Unità di strada e dal Rifugio notturno della solidarietà, due servizi che Open Group gestisce per conto di ASP Città di Bologna.
Cinquanta gli scatti selezionati dalla giuria che sono stati esposti sabato 19 ottobre, cinquanta foto che con diversi sguardi e da diverse prospettive hanno raccontato il mondo delle dipendenze ai tanti curiosi che nell’arco dell’intera giornata hanno affollato la mostra. Altra cornice dell’evento lo sportello dell’Unità di strada in via Polese 15 dove sono stati premiati i vincitori.

Un ricordo, una sigaretta, un affetto che non c’è più. Quando si parla di dipendenze si pensa a un mondo lontano dal nostro. Si pensa alle dipendenze patologiche da sostanza, da alcol o da gioco d’azzardo, ma spesso si tratta di piccoli gesti e azioni che hanno un peso sempre maggiore nel quotidiano di ciascuno di noi.  Relazioni, comportamenti e abitudini di cui non possiamo fare a meno. Questo è stato il racconto, fatto di sguardi, di storie e di volti che la mostra ha voluto regalare alla città sul tema delle dipendenze.

Di seguito i cinque vincitori

uomo sporco dal lavoro in miniera fuma una sigaretta

Nero vizio, di Domenico Timpano – il  volto di un carbonaio delle Serre Calabresi che nei momenti di pausa, pur avendo respirato carbone per ore, non riesce a non concedersi il vizio di fumare la sua consueta sigaretta.

uomo seduto da solo a un tavolo di un centro scommessa

L’ultima puntata, di Francesco De Luigi – un uomo qualunque seduto a un tavolino di un centro scommesse, esposto in vetrina. Di riflesso si scorge una strada che trafigge l’uomo. Lo sguardo, inclinato verso il basso, osserva alcune schedine. Nel taschino dei pantaloni un’ultima scommessa sportiva, forse quella decisiva, attende di essere giocata. Sul tavolino un portapenne che grida desolazione.

un bambino seduto per terra circondato dai giochi ma che però guarda il cellulareAlienazione, di Anna Brunetti

 

Livestream, di Max Cavallari  – la necessità di voler registrare, riprendere, fotografare tutto quello che ci circonda non tanto per la volontà di ricordarlo quanto per postarlo sulle piattaforme social e aumentare il proprio ego, con la sola necessità di dimostrare qualcosa agli altri.

Frammenti, di Diego Perlangeli  – La foto si concentra più sul lato emotivo della dipendenza e sul senso di frammentazione e di lacerazione che si avverte quando la vita ti sfugge dalle dita e ti lasci consumare dal dolore e dalle sostanze.


News

L’assemblea approva il bilancio di esercizio 2023

La nostra assemblea soci e socie approva il bil...

Roncaglio in festa: inclusione e diversità

Roncaglio in festa: inclusione e diversità
Lo scorso 28 giugno il Condominio Roncaglio ha ...

Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

Housing sociale: cos’è e come lo facciamo
Il settore dell'abitare è ricco ed eterogeneo. ...

La giornata di volontariato di PwC Italia

La giornata di volontariato di PwC Italia
“Curare e sentirsi bene in uno spazio che in qu...
  • L’assemblea approva il bilancio di esercizio 2023

    La nostra assemblea soci e socie approva il bilancio di esercizio 2023 di Open Group. Un anno in ...
  • Roncaglio in festa: inclusione e diversità

    Roncaglio in festa: inclusione e diversità

    Lo scorso 28 giugno il Condominio Roncaglio ha organizzato la festa annuale di fine scuola, celeb...
  • Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

    Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

    Il settore dell'abitare è ricco ed eterogeneo. Ma come si configura, esattamente? E quali sono gl...
  • La giornata di volontariato di PwC Italia

    La giornata di volontariato di PwC Italia

    “Curare e sentirsi bene in uno spazio che in questa fase della vita è Casa”.