Skip to main content

Open Green, un futuro di sostenibilità

|

Sostenibilità aziendale, riduzione degli sprechi e abbattimento dei consumi energetici all’interno dei servizi. Sono gli obiettivi della campagna Open Green, promossa da Open Group per lanciare la sua sfida per un futuro sostenibile: tutte le lavoratrici e i lavoratori della cooperativa sono chiamati ad agire in prima persona per ridurre gli sprechi e i consumi nelle strutture, e ad ideare azioni che possano migliorare il nostro impatto sull’ambiente.

 

“La promozione della cultura aziendale sulla sostenibilità è per noi un momento fondamentale: significa condividere un sistema di valori che guiderà il nostro lavoro”, ha commentato Giovanni Dognini, presidente di Open Group.

Siamo arrivati all’ultima puntata di questa stagione di Open Green: grazie alla redazione di Melting Pod, abbiamo scoperto aziende che hanno fatto della sostenibilità ambientale il cuore della loro attività o delle loro politiche aziendali. Questa prima fase della campagna si concluderà a dicembre 2021, con la premiazione delle strutture della cooperativa che avranno prodotto un risparmio pari al 5%.

Ma l’impegno di Open Group continuerà anche nel 2022: “L’obiettivo è diventare prima consumatori consapevoli di energie e di risorse ambientali e poi produttori consapevoli, in un’ottica completa di economia circolare. Molte le azioni in programma, tra queste la realizzazione di coltivazioni sostenibili e l’uso di pannelli fotovoltaici nelle nostre strutture”.

La campagna fa parte di un percorso più ampio che la cooperativa ha intrapreso già da tempo, sperimentando servizi e nuovi progetti. È il caso di Second Life, la casa del riuso e del riciclo di via Marco Emilio Lepido. Si tratta di uno spazio che Open Group gestisce per conto del Comune di Bologna, dove tutti i cittadini possono portare oggetti che non usano più e scambiarli con altri di pari valore, contribuendo così a limitare la produzione di rifiuti. Il progetto è operativo dal 2011 e negli anni è cresciuto molto, passando da 2.000 oggetti mensili disponibili nei primi anni di vita a 10.000 pezzi oggi.

Open Green è quindi una scommessa sul futuro delle comunità e dei territori in cui operiamo e su un modello di cooperativa virtuosa, attenta ai cambiamenti dei nostri tempi. Una cooperativa che si assume la propria responsabilità sociale nei confronti delle persone e dell’ambiente.


News

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni
Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celeb...

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano
“Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è ...

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio
A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio...

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami
"Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna ...
  • Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celebra i primi 10 anni di Open Group. Qui puoi trovare...
  • Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    “Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è l'escursione organizzata dal Museo di Claterna att...
  • A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio, uno dei pionieri dell'archeologia bolognese.
  • Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    "Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna in collaborazione con la consulente finanziaria Pe...