Skip to main content

Scriviamoci di più: educare alla diversità attraverso la scrittura

|


Educare alla diversità, all’ascolto e alla comprensione, tradurre poi sensazioni e emozioni in un racconto. È l’obiettivo di Scriviamoci di più, un concorso letterario partito a settembre 2018 e sviluppato dall’Istituto Papeschi di Roma, in rete con l’Istituto Telesia di Telese Terme (Bn) e in collaborazione con il Cepell (Centro per il Libro e la Lettura – MIBACT).
Un progetto che vuole unire, in un percorso comune di scoperta e conoscenza reciproca, una coppia di alunni, di cui un ragazzo con disabilità, che insieme dovranno costruire un racconto letterario che sarà poi editato e pubblicato. Più tappe compongono questa sperimentazione: durante la prima fase le scuole hanno organizzato incontri con autori e proiezioni sul tema della diversità; nei mesi di ottobre e novembre è partita la fase propedeutica di frequentazione in cui i “compagni di penna” si conoscono documentando con video, foto e diari il backstage di quello che sarà poi il racconto finale. Il soggetto della storia è scelto liberamente dai partecipanti che saranno aiutati e supportati nella scrittura da giornalisti, esperti in comunicazione e autori.
I racconti selezionati saranno pubblicati sulla rivista Zai.net (una rivista mensile scritta da studenti per gli studenti) e raccolti in una pubblicazione che sarà presentata e distribuita negli eventi collegati all’iniziativa.

Open Group è tra i partner di questo intervento, insieme a Mandragola Editore, Ansa e Culturmedia, e sarà impegnata nella fase propedeutica di conoscenza, di selezione e valutazione dei racconti e nell’attività di comunicazione per la diffusione del progetto.

Gli studenti coinvolti che beneficeranno degli interventi formativi sono in tutto 100 e l’approccio metodologico usato per questo progetto è quello della peer education: non sono gli adulti a trasferire saperi e competenze, ma è uno scambio che avviene appunto tra pari. I giovani si confrontano, scambiandosi punti vista e pareri, ricostruiscono problemi e difficoltà e immaginano autonomamente anche le possibili soluzioni.

Gli autori dei racconti saranno premiati in una cerimonia pubblica che si svolgerà a Roma in primavera.

Questi i due articoli sul progetto pubblicati sulla rivista Zai.net:

Scriviamoci di più: quando la scrittura genera inclusione_ottobre 2018
Scriviamoci di più sarà un viaggio meraviglioso_novembre 2018


News

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni
Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celeb...

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano
“Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è ...

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio
A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio...

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami
"Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna ...
  • Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celebra i primi 10 anni di Open Group. Qui puoi trovare...
  • Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    “Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è l'escursione organizzata dal Museo di Claterna att...
  • A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio, uno dei pionieri dell'archeologia bolognese.
  • Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    "Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna in collaborazione con la consulente finanziaria Pe...