Skip to main content

FreeGap e il gioco d’azzardo ai tempi del coronavirus

|

In tempi di coronavirus anche il servizio FreeGap ha dovuto reinventarsi

Incontri su Skype o via Whatsapp, ma anche una classica chiacchierata al telefono. In tempi di coronavirus anche il servizio FreeGap ha dovuto reinventarsi per continuare a offrire aiuto alle persone con disturbo patologico da gioco d’azzardo. Un aiuto che, proprio in questo momento difficile, è più prezioso che mai. La solitudine, la convivenza forzata, il facile accesso alle piattaforme digitali rendono infatti questo periodo particolarmente delicato.

FreeGap è un servizio gratuito di Open Group che offre accoglienza e sostegno immediato a chi vive con sofferenza i costi, non solo economici, della dipendenza da gioco.
Tra le attività proposte ci sono spazi di ascolto e consulenza per giocatori e familiari, un gruppo terapeutico  settimanale e il possibile invio a percorsi più strutturati con gli altri servizi territoriali.

“Alcune delle persone che contattiamo mi dicono di aspettare la riapertura delle sale per tornare a giocare: l’online è più insidioso per i ragazzi che per gli adulti. Io, per esempio, seguo due giovanissimi di 19 e 21 anni: uno ha smesso di giocare, l’altro invece continua in rete. Ma quantificare il fenomeno è difficile”, afferma Antonio Lamparelli, operatore di FreeGap in un’intervista su Quindici, la rivista del master di giornalismo dell’Università di Bologna. “In queste settimane i comportamenti dei giocatori non sono stati omogenei. Quello che preoccupa è il possibile insorgere di nuove criticità, come lo spostamento verso altre dipendenze: fumo e, soprattutto, alcol”.

L’équipe del servizio è composta da educatori e psicologi e si impegna a personalizzare i progetti terapeutici, costruendo un’adeguata rete di supporto per la persona. Lavora insieme a tutte le altre realtà che entrano in contatto con questo fenomeno, nella costante ricerca di un equilibrio tra prevenzione e cura.


News

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni
Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celeb...

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano
“Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è ...

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio
A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio...

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami
"Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna ...
  • Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Inedita – Cronache dal futuro: i nostri primi 10 anni

    Il 25 maggio arriva Inedita, l'evento che celebra i primi 10 anni di Open Group. Qui puoi trovare...
  • Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    Un’escursione da Claterna al belvedere di Ozzano

    “Itineranti. La badessa Lucia di Settefonti" è l'escursione organizzata dal Museo di Claterna att...
  • A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio

    A Claterna una visita guidata su Edoardo Brizio, uno dei pionieri dell'archeologia bolognese.
  • Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    Pillole di educazione finanziaria con Pecuniami

    "Quanto ne sai di soldi?" è la nostra campagna in collaborazione con la consulente finanziaria Pe...