fbpx

Un viaggio tra i segni di Emilio Sereni

|

Sereni

Catalogare il fondo di Emilio Sereni è stato un viaggio tra i segni, le note di studio, le sottolineature dell’uomo politico e dell’intellettuale, del militante antifascista e del futuro Ministro. Ma anche nella vicenda privata e intima della sua famiglia.

Lo scorso autunno si è concluso l’intervento di catalogazione sul fondo di Emilio Sereni (1907-1977), conservato presso l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico. Il progetto era finanziato da IBC Istituto per i beni artistici culturali e naturali ed è stato eseguito dai catalogatori di Open Group.

Sono stati catalogati in indice nel Polo biblioteche specialistiche di Reggio Emilia (REA) 3.692 monografie moderne e 101 antiche. La particolarità del fondo è costituita dai nuclei tematici, collocati seguendo una classificazione dello stesso Sereni, che riflettono gli studi e l’attività politica dello studioso. Open Group si è occupata delle sezioni di linguistica e antropologia, della raccolta dei suoi scritti, della sezione di agricoltura con gli studi sul paesaggio agrario. Sono stati registrati e evidenziati i segni autografi di Sereni sui libri, le note di studio, le sottolineature, le dediche, ma anche solo il luogo e la data in cui il volume è passato per le sue mani, evocando momenti particolari della sua vita.

Emilio Sereni nacque in una famiglia ebrea di estrazione borghese. Laureato in scienze agrarie a Portici, si iscrisse formalmente al Partito Comunista Italiano nel 1928. Dopo l’arresto e la condanna a 15 anni di carcere venne amnistiato nel 1935, poi espatriò clandestinamente in Francia. Nel 1946 entrò nel comitato centrale del PCI: fu Ministro della Repubblica Italiana sotto il governo De Gasperi, all’Assistenza Postbellica (1946-1947) e poi ai Lavori Pubblici (1947). Fu l’artefice e il promotore della nascita dell’Istituto Alcide Cervi per la storia del movimento contadino e dell’agricoltura, dell’antifascismo e della Resistenza nelle campagne. Ha lasciato all’Istituto la sua raccolta libraria e documentaria: 22.000 volumi, 300.000 schede bibliografiche, 200 riviste di storia e agricoltura, 1600 faldoni d’archivio.

Foto Istituto Cervi


News

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti
Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a re...

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica
'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fati...

La giornata dell’archeologia a Claterna

La giornata dell’archeologia a Claterna
La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato...

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze
Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giorn...
  • Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a realizzare un laboratorio di falegnameria per le nos...
  • ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fatica a favore delle/dei partecipanti alle attività. ...
  • La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato 18 giugno alle 16 al Palazzo della cultura per un...
  • In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giornate dell'inter-dipendenza, la rassegna di eventi p...