fbpx

Passaggio contrattuale per 97 lavoratrici e lavoratori di Open Group

|

A un anno dalla fusione delle cooperative che hanno dato vita a Open Group, prosegue il percorso di armonizzazione e rafforzamento dell’identità del gruppo. All’interno di questo percorso il passaggio al contratto nazionale delle Coop Sociali dei 97 lavoratori e lavoratrici provenienti dal Centro Accoglienza la Rupe – in precedenza contrattualizzati con Agidae, (contratto rappresentativo degli enti morali ed ecclesiastici) – rappresenta un passaggio importante. La nuova cooperativa, infatti, vede tra i suoi fattori di affermazione proprio l’apporto e la condivisione che tutti i lavoratori riusciranno a realizzare in un’ottica di sviluppo e crescita, che preveda unità coesione e coerenza. Elementi, questi, che proprio nell’ancoraggio normativo e nell’omogeneità giuridica trovano la loro massima espressione.

Il cambiamento contrattuale è frutto di un percorso realizzato con le lavoratrici e lavoratori con contratto nazionale Agidae e con i quali la cooperativa ha condiviso il senso del passaggio e iniziato a costruire un’intesa che, da un lato, non penalizzasse i lavoratori e, dall’altro, fosse sostenibile per la cooperativa e non generasse sperequazioni nei confronti degli altri lavoratori già con contratto delle Coop Sociali.
A seguito di tale percorso di condivisione, il confronto si è svolto con i rappresentanti di FP CGIL e ha prodotto un contratto integrativo sottoscritto dalle parti, sintesi dei principi sopradescritti.
Nello specifico, Open Group si è impegnata a garantire il mantenimento delle condizioni di miglior favore presenti nel contratto nazionale Agidae e allo stesso tempo ha chiesto il mantenimento del computo delle ore notturne nelle strutture h24 fuori dal monte ore di settimanale (nelle strutture con notte dormiente), la rinuncia agli scatti di anzianità e la rinuncia all’indennità di mensa prevista nell’integrativo provinciale Coop Sociali, ma non nel contratto Agidae.
In sintesi, il criterio che la cooperativa ha voluto mantenere nel corso della contrattazione è stato la ricerca di un equilibrio capace di comprendere l’attenzione alle lavoratrici e ai lavoratori come singoli e l’attenzione al percorso e alla storia di ciascuno; come pure l’attenzione a bisogni aziendali, che sono alla base della tutela della totalità delle lavoratrici e dei lavoratori dell’impresa cooperativa.


News

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti
Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a re...

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica
'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fati...

La giornata dell’archeologia a Claterna

La giornata dell’archeologia a Claterna
La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato...

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze
Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giorn...
  • Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a realizzare un laboratorio di falegnameria per le nos...
  • ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fatica a favore delle/dei partecipanti alle attività. ...
  • La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato 18 giugno alle 16 al Palazzo della cultura per un...
  • In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giornate dell'inter-dipendenza, la rassegna di eventi p...