Skip to main content

Nasce l’Incubatore di Comunità Educante: 76 realtà contro l’abbandono scolastico

Il progetto Incubatore di Comunità Educante coordinato da Open Group è tra gli 86 vincitori del bando Adolescenza (11-17 anni), selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo nazionale di Contrasto per la povertà educativa minorile. L’obiettivo è combattere l’abbandono scolastico.

Il progetto, sviluppato con Comune di Bologna, Città metropolitana di Bologna e Ufficio V – Ambito Territoriale di Bologna, Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, coinvolge una rete di più di 70 partner.

Ha una durata di tre anni ed è stato finanziato con un contributo di 704 mila euro. Fonda la propria strategia sul fare sistema, attraverso la comunità educante, per contrastare la povertà educativa nel territorio bolognese.

Attraverso la cabina di regia, che si è già costituita, si calendarizzeranno incontri territoriali di condivisione di buone pratiche e si darà vita a laboratori per lo sviluppo di didattica innovativa e percorsi di coinvolgimento attivo delle famiglie.

Il progetto metterà in campo una serie di azioni articolate nei tre livelli di prevenzione primaria (più generale e trasversale), secondaria (su situazioni specifiche di rischio) e terziaria (interventi su studenti in abbandono), in linea con il quadro di riferimento europeo.

Le azioni previste concorreranno a formare l’Incubatore di Comunità, una “infrastruttura” permanente che condividendo linguaggi e strumenti, sarà in grado di animare e supportare le comunità educanti mettendo a disposizione, in una prospettiva di coprogettazione, risorse, strumenti e buone prassi.

Le informazioni disponibili sulla provincia di Bologna, raccolte dall’Osservatorio sulla scolarità provinciale della Città Metropolitana di Bologna nel periodo 2009-2013, inducono ad ipotizzare che il tasso annuo di dispersione scolastica e formativa è pari a circa il 2,6% dei ragazzi in età 14-17 anni (intorno agli 800 giovani), e che nel passaggio dalla dal primo al secondo anno delle scuole secondarie di secondo grado si verifica il 50% degli abbandoni.

 

Titolo completo: Incubatore di Comunità Educante: strategie di sviluppo inclusivo tra
scuola e territorio (I.C.E)

Soggetto Responsabile: Open Group

Finanziato da: Con i Bambini, impresa sociale attuatrice del Fondo di contrasto per la povertà educativa minorile

Partner coinvolti: oltre 70, tra cui Istituzioni scolastiche, sia secondarie di primo che di secondo grado, Istituzioni pubbliche e realtà del Terzo settore

Territori coinvolti: Area metropolitana (Comune di Bologna, Comuni del Distretto di San Lazzaro di Savena e Comuni del Distretto Nuovo Circondario Imolese, Comuni del Distretto dell’Appennino Bolognese e Comuni del Distretto Valli del Reno, Lavino e Samoggia, Unione Comuni Distretto Pianura Est e Unione Comuni Distretto Pianura Ovest)

 


News

L’assemblea approva il bilancio di esercizio 2023

La nostra assemblea soci e socie approva il bil...

Roncaglio in festa: inclusione e diversità

Roncaglio in festa: inclusione e diversità
Lo scorso 28 giugno il Condominio Roncaglio ha ...

Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

Housing sociale: cos’è e come lo facciamo
Il settore dell'abitare è ricco ed eterogeneo. ...

La giornata di volontariato di PwC Italia

La giornata di volontariato di PwC Italia
“Curare e sentirsi bene in uno spazio che in qu...
  • L’assemblea approva il bilancio di esercizio 2023

    La nostra assemblea soci e socie approva il bilancio di esercizio 2023 di Open Group. Un anno in ...
  • Roncaglio in festa: inclusione e diversità

    Roncaglio in festa: inclusione e diversità

    Lo scorso 28 giugno il Condominio Roncaglio ha organizzato la festa annuale di fine scuola, celeb...
  • Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

    Housing sociale: cos’è e come lo facciamo

    Il settore dell'abitare è ricco ed eterogeneo. Ma come si configura, esattamente? E quali sono gl...
  • La giornata di volontariato di PwC Italia

    La giornata di volontariato di PwC Italia

    “Curare e sentirsi bene in uno spazio che in questa fase della vita è Casa”.