fbpx

Nasce a Crespellano Una casa tra le nuvole

|

casa_nuvole

Sabato 19 settembre si inaugura a Crespellano Una casa tra le nuvole,  un progetto sperimentale di sviluppo delle autonomie abitative e di vita indipendente di persone disabili gestito da Open Group, che sarà a pieno regime da gennaio. L’inaugurazione, aperta a tutti, sarà alle 10 in Via Nenni 13, mentre domenica dalle 17.30 ci sarà un’asta di solidarietà con Andrea Mingardi e Alessandro Alberani, in cui saranno venduti oggetti e opere artistiche di Marakanda. In entrambi i giorni saranno presenti stand gastronomici con crescentine, tigelle e borlenghi.

L’Associazione di famiglie e persone disabili “Volhand”  ha fortemente voluto questa casa, contribuendo in ogni modo alla sua costruzione. L’idea nasce dalla volontà di immaginare una Casa Indipendente “durante noi” e soprattutto “insieme a noi”, non solo ai bisogni “dopo di noi”.
Il progetto è altamente innovativo per il territorio distrettuale di riferimento, un vero esempio di welfare inclusivo che nasce dal ‘basso’ avviando un processo di Co-produzione attraverso la partecipazione dei cittadini nella costruzione dell’offerta di servizi di pubblica utilità. Un esempio di interazione tra utente, famiglia, professionisti e comunità che con un lavoro sociale d’equipe co-produce un servizio personalizzato partendo dal reale bisogno dell’utente e della famiglia.
La persona non usa semplicemente il servizio: lo pensa, lo progetta, lo produce, lo utilizza, lo valuta anche attraverso la costituzione di un Comitato di Garanzia. In questo modo si inizia a creare un nuovo senso di appartenenza, realizzando un nuovo tipo di welfare.
Open Group, attraverso Una casa tra le nuvole, si pone l’obiettivo di offrire servizi sociali e culturali integrati innovativi e di alta qualità, sia a committenti pubblici sia a una quota di domanda privata,  proponendo un nuovo modello di presenza e relazione con il territorio che si relazioni con tutte le risorse presenti: imprese, istituzioni e associazioni.
Il plus valore sta proprio nella capacità di mettere insieme cooperazione, istituzioni, volontariato e famiglie di persone diversamente abili per la creazione di un diverso modello di “casa aperta” come progetto pilota che dia un forte segnale al territorio in termini di valori e sviluppo progettuale futuro.


News

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti
Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a re...

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica
'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fati...

La giornata dell’archeologia a Claterna

La giornata dell’archeologia a Claterna
La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato...

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze
Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giorn...
  • Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a realizzare un laboratorio di falegnameria per le nos...
  • ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fatica a favore delle/dei partecipanti alle attività. ...
  • La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato 18 giugno alle 16 al Palazzo della cultura per un...
  • In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giornate dell'inter-dipendenza, la rassegna di eventi p...