fbpx

Pane, amore e fantasia. Una festa della Casa tra le Nuvole

| ,

gli-inquilini-del-laboratorio-protetto-Casa-tra-le-nuvole

La Casa tra le Nuvole inaugura domenica 27 maggio 2018 il nuovo laboratorio protetto Easy to Live. Autonomia, indipendenza, autodeterminazione e digitale sono le parole chiave di questo nuovo progetto che grazie alle nuove tecnologie vuole costruire un percorso che possa migliorare l’autonomia in ambito sociale, domestico e lavorativo delle persone che lo frequentano, superando le difficoltà di apprendimento e di comunicazione. Il laboratorio offre inoltre uno sportello gratuito di supporto alle famiglie, per garantire consulenza e accompagnamento verso una vita indipendente. Lo sportello è formato da persone con disabilità, genitori ed educatori.
I destinatari del nuovo laboratorio protetto Easy to Live sono persone con disabilità in carico al servizio sociale territoriale residenti nei territori dell’Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia.

La festa di inaugurazione “Pane amore e fantasia” inizierà alle 17.00 con i saluti istituzionali per poi proseguire con balli, giochi, musica e la lotteria con estrazione a fine serata! E non poteva mancare un piccolo buffet con pizza, tigelle e borlenghi. La Casa tra le Nuvole si trova in via Pietro Nenni 13 a Crespellano (BO).

 

La Casa tra le nuvole è un centro voluto dall’associazione di familiari Volhand, di cui Open Group ha la gestione oltre che del gruppo appartamento anche del nuovo laboratorio. Le persone che usufruiscono di questo servizio vengono orientate ad assumersi responsabilità individuali e collettive, sostenute nella valorizzazione di se stesse e delle proprie capacità. Il centro del progetto è infatti la realizzazione di un vivere solidale fra i residenti del gruppo appartamento e l’acquisizione di competenze di base da poter mettere in pratica nel quotidiano: in casa, in cucina o durante il tempo libero. È un esempio di welfare inclusivo che nasce dal ‘basso’, da un processo virtuoso di co-produzione dei servizi. Questo vuol dire che le persone con disabilità, le famiglie, i professionisti e l’intera comunità lavorano assieme per la creazione di servizi di utilità pubblica, a partire dalle esigenze reali delle persone e del territorio di riferimento.


News

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti
Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a re...

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica
'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fati...

La giornata dell’archeologia a Claterna

La giornata dell’archeologia a Claterna
La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato...

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze
Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giorn...
  • Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a realizzare un laboratorio di falegnameria per le nos...
  • ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fatica a favore delle/dei partecipanti alle attività. ...
  • La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato 18 giugno alle 16 al Palazzo della cultura per un...
  • In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giornate dell'inter-dipendenza, la rassegna di eventi p...