fbpx

‘Pillole di pedagogia interculturale’: l’accoglienza come ricchezza

|

Un corso online per approfondire la multiculturalità nei contesti dell’accoglienza. L’approccio sarà quello della pedagogia interculturale .

Pillole di pedagogia interculturale: il corso

L’Associazione di volontariato Emiliani, che da anni collabora con Open Group, mercoledì 10 novembre alle ore 21.00 terrà il webinar online ‘Pillole di pedagogia interculturale: l’approccio interculturale nella relazione con bambini e famiglie di origine straniera’. L’incontro è rivolto a 15 famiglie accoglienti di Zola Predosa e del progetto Cicogna e sarà tenuto da Elisa Maria Francesca Salvadori, dottoranda di ricerca in Scienze Umane (curriculum pedagogia) presso l’Università degli Studi di Verona e precedentemente responsabile della formazione nel contesto del Terzo settore.

Nel corso si rifletterà sui temi di cultura, intercultura, identità e differenze. Attraverso lo strumento della pedagogia interculturale si approfondiranno le dimensioni del dialogo, del confronto e relazione nell’ambito della multiculturalità. L’obiettivo è di centralizzare le persone e le loro storie, valorizzando le differenze come opportunità di confronto e apprendimento per ciascuno e per la collettività. Il prefisso ‘inter’ sta ad indicare proprio questo: la relazione in cui si cresce, lo scambio che arricchisce.

Due bambine si raccontano qualcosa all'orecchio, un quaderno è davanti a loro

Ricevere presso di sé: l’accoglienza del progetto Cicogna

‘Ricevere presso di sé, ammettere nel proprio gruppo’, ‘accettare, approvare’, ‘ricevere nella propria casa, soprattutto con riguardo al modo, al sentimento, alle manifestazioni con cui si riceve’: queste sono solo alcune delle definizioni del verbo accogliere. Per Open Group accogliere è aprirsi all’alterità e creare spazio, in noi ed intorno a noi, per l’altro/l’altra.

È questo che, oramai da anni, fa il progetto Cicogna: si occupa di dare accoglienza a bambini tra gli 0 e i 6 anni allontanati dalle famiglie di origine per situazioni di gravi pregiudizi nei loro confronti. La comunità, nata nel 2004, opera in stretta collaborazione con il Comune di Bologna. In questi anni di attività ha accolto più di 70 minori, lavorando assieme alle famiglie volontarie, ai Servizi Sociali di competenza e a realtà che ne condividono i valori.

 


News

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti
Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a re...

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica
'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fati...

La giornata dell’archeologia a Claterna

La giornata dell’archeologia a Claterna
La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato...

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze
Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giorn...
  • Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Il tuo 5×1000 al Giardino dei Giganti

    Con il tuo 5x1000 a Open Group ci aiuterai a realizzare un laboratorio di falegnameria per le nos...
  • ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    ‘Ci sto? Affare fatica!’: buoni fatica

    'Ci sto? Affare fatica!' prevede dei buoni fatica a favore delle/dei partecipanti alle attività. ...
  • La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna

    La giornata dell’archeologia a Claterna: sabato 18 giugno alle 16 al Palazzo della cultura per un...
  • In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    In arrivo la rassegna sul tema delle dipendenze

    Dal 15 al 24 giugno arrivano a Bologna le giornate dell'inter-dipendenza, la rassegna di eventi p...